Hai un nuovo compagno? Hai ancora diritto all’assegno di divorzio

Hai un nuovo compagno? Hai ancora diritto all’assegno di divorzio

Rifarsi una vita affettiva, avere un nuovo compagno e una nuova convivenza non porta automaticamente a perdere l’assegno di divorzio.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, lo scorso 5 novembre, ed è un cambiamento epocale. L’assegno “divorzile” (questo il nome tecnico) ha due funzioni: assistenziale e compensativa.

Se si intraprende una nuova, stabile convivenza, la parte dell’assegno divorzile che garantisce l’assistenza all’ex coniuge può essere cancellata, ma non quella che ha funzione compensativa: se hai rinunciato del tutto o in parte alla carriera per la famiglia, se hai limitato la tua vita di relazione ed i tuoi interessi durante il matrimonio per accudire i figli e il marito, hai ancora diritto a vederti compensato questo sacrificio.

Dunque: fino a poche settimane fa ricostruirsi una stabile vita affettiva portava a perdere l’assegno, ora questo automatismo non c’è più.

Articoli correlati