Al via le nuove regole sul Green Pass

Al via le nuove regole sul Green Pass

Dal 15 ottobre entra in vigore la nuova disciplina anti covid-19 sui luoghi di lavoro.
Cosa deve fare il datore di lavoro?
1) incaricare formalmente i soggetti che vigileranno sul rispetto delle nuove regole e verificheranno che ciascun dipendente entri munito di Green Pass valido;
2) effettuare, per il tramite di questi incaricati, controlli a campione sul Green Pass del personale attraverso la App “VerificaC19”, scaricabile gratuitamente;
3) eseguire i suddetti controlli prioritariamente al momento dell’accesso in azienda di dipendenti, collaboratori, consulenti, fornitori, agenti etc..
Ricordate: in caso di violazione il datore potrà essere sanzionato con il pagamento di una somma da € 400,00 a € 1.000,00 e al doppio per le successive violazioni!

NUOVE REGOLE SUL GREEN PASS
Cosa accade ai lavoratori che ne sono privi?
Dal 15 ottobre i lavoratori del settore privato privi di Green Pass valido per l’accesso ai luoghi di lavoro saranno considerati assenti ingiustificati.
Fino al 31 dicembre 2021 i lavoratori non subiranno conseguenze disciplinari e conserveranno il posto di lavoro.
Non riceveranno, però, la retribuzione

LAVORATORI SENZA GREEN PASS POSSONO ESSERE SOSTITUITI?
Il datore di lavori può certamente sostituire i lavoratori privi di Green Pass valido ma attenzione.
Se la tua impresa ha meno di 15 dipendenti ci sono regole speciali!
Nei primi 5 giorni di assenza del lavoratore il titolare potrà assumere lavoratori a termine e dopo il 5° giorno il sostituto potrà essere impiegato per la durata massima prevista per legge e fino al 31 dicembre 2021.

Articoli correlati